SCHEDA DEL FILM

Cinema Mariani Ravenna

martedì 29 novembre

LA CALIFORNIA

  • Regia: Cinzia Bomoll
  • Attori: Piera Degli Esposti, Silvia Provvedi, Giulia Provvedi, Lodo Guenzi, Eleonora Giovanardi
  • Distribuzione: Officine Ubu
  • Nazione: Italia 2022
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 100 minuti
  • Orari

    mar 29: 18.30 - 21.15

    martedì 29, ore 21.00, ospite in sala la regista Cinzia Bomoll

    2Days Cult Movie

    Acquista o prenota il biglietto online

Trama del film

Emilia, Modena, La California: le sorelle gemelle Ester e Alice passano il tempo tra infanzia e adolescenza, cotte sognate e cotte vissute, tortellini e Amaro del Ciclista. In una frazione sperduta di campagna sembra non succedere mai nulla, ma di traverso si agitano pulsioni e perversioni, quelle della madre Palmira che non si è mai più ripresa dallo stress post-parto, il padre Yuri il punk che alleva maiali e beve per dimenticare ogni cosa, il nonno che un tempo è stato partigiano e ora se ne sta da solo a pescare e basta. E poi tutti gli altri, amici e conoscenti del paese, il Malagoli con le sue macchine scintillanti e le sue fabbriche inquinanti, Liviana che fa la parrucchiera ma si sfonda di prove in saletta per cantare e suonare... Ogni cosa va avanti così, finché Allende e il figlio Pablo, esuli comunisti dal Cile dittatoriale, fanno la loro comparsa.

Trailer

Commento

La California è un film di doppi, riflessi, identità. E la soluzione è sempre una: andare avanti non dimenticando mai nessuno.  La geografia è il più crudele dei saperi. Terre lontane che scopri essere vicine, raggiungibili, fughe che puoi sognare e programmare perché sai esattamente dove sono loro e dove sei tu. Con la geografia fai tutto questo anche da un paese, una frazione, che è persino difficile da trovare nel nulla sterminato dei campi e dei capannoni emiliani. Ester e Alice ci provano. Provano ad usare questa conoscenza assieme a tante altre (i poster di Ian Curtis e Kurt Cobain, "L'ombra del suicidio" di Carlo Bernari e "La campan"a di vetro di Sylvia Plath) per, semplicemente, andare via. In California, naturalmente. Nel doppio del loro piccolo borgo, che è sempre assolato ma ha un oceano di fronte, che è vuoto sì ma puntellato di megalopoli.  Da "La California", Modena, in California, USA, sdoppiandosi e abbracciando quel riflesso, tenendo tutto assieme e sempre assieme. Come fanno loro due: Ester, ombrosa, temuta, respingente ma attrattiva (quella che dorme sotto il poster del frontman dei Joy Division); Alice, radiosa, richiesta, accogliente ma refrattiva (quella che dorme sotto il poster del leader dei Nirvana). Sorelle gemelle il cui giuramento si riverbera e si rinnova ad ogni nuova fase della vita - rimanere unite, scappare mano nella mano.  Sono una forza centripeta e centrifuga, Ester e Alice. Si attraggono e si respingono, tenute assieme da un punto cieco che viene continuamente attaccato da tutto quello che gli sta attorno, dal dritto e dal rovescio di quel piccolo mondo un po' cazzaro che è La California, frazione in provincia di Modena: la pianura sterminata che diviene agorafobica, la natura campestre inquinata dagli scarichi, le strade senza fine che portano in nessun luogo; e chi ci sta sotto quel cielo e sopra quella terra, i comunisti dei circoli ora spettatori televisivi, gli imprenditori locali strafatti di coca, i musicisti e i capostazione che non ce l'hanno fatta. Loro due resistono a tutto e a tutti, e quel centro sarà abbattuto soltanto da Pablo, il figlio del cileno compañero. No, nemmeno da lui, ma da un sentimento nuovo: l'amore, quello vero, che significa perdita.  Il nuovo film di Cinzia Bomoll è una questione personale. È cresciuta in quei luoghi, parla in quel modo, ci è tornata per scrivere. Passava dalla frazione "La California" quando era bambina per andare a trovare la nonna e tutta quella sfera emotiva e vitale torna e ritorna ancora (nel suo ultimo libro "La ragazza che non c'era" e in uno suo più vecchio, "Lei che nella foto non sorrideva", a cui questo La California si ispira).  Ma quello che c'è dentro appartiene anche ad altri: Silvia e Giulia Provvedi, le interpreti di Ester e Alice, gemelle dal nome d'arte Le Donatella e anche loro di Modena; Piera Degli Esposti, bolognese, venuta a mancare l'anno scorso e voce narrante del film; e poi Lodo Guenzi, Andrea Roncato, Angela Baraldi.  Tutti questi nomi non sono solo azzeccate e precise scelte di casting territoriale, ma direzioni da seguire per sciogliere il grumo che sta nella bassa emiliana: c'è la scommessa (vinta, e non per poco) di puntare sulle Provvedi, starlette disinvolte di X-Factor, L'Isola dei Famosi, Grande Fratello VIP; la compianta Piera, che ha portato nel film un intero personaggio (Saetta) nato dalle storie e dalle amicizie di quella terra; le voci di Lodo Guenzi e Angela Baraldi, che rinnovano ancora una volta l'amore dell'Emilia per il cinema e la musica.  C'è tutto questo e anche di più ne La California, un coming of age nostrano chiazzato di thriller, riflesso storto di quello che siamo e che potremmo essere. Qui, o in California. Ovunque essa sia. (Luigi Coluccio - MYmovies)

TOP