europa cinemas FICE Schermi di qualità

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere, con cadenza settimanale, la Newsletter Cinemaincentro con le informazioni, le trame, gli orari e altre notizie sulla programmazione delle nostre sale.

Se vuoi ricevere aggiornamenti o informazioni last minute via SMS inserisci il tuo numero di cellulare.

Cinemadivino
CAPTAIN FANTASTIC
venerdì 1 settembre
CAPTAIN FANTASTIC
Regia: Matt Ross
Attori: Viggo Mortensen, George MacKay, Samantha Isler, Annalise Basso, Nicholas Hamilton, Shree Crooks, Charlie Shotwell, Trin Miller
Distribuzione: Good Films
Paese: USA 2015
Genere: Drammatico
Durata: 120 minuti

Film vincitore dell'Undicesima Festa del Cinema di Roma

Ben vive con la moglie e i sei figli, isolato dal mondo nelle foreste del Pacifico nord-occidentale. Cerca di crescere i suoi figli nel migliore dei modi, infondendo in essi una connessione primordiale con la natura. Quando una tragedia colpisce la famiglia, Ben è costretto suo malgrado a lasciare la vita che si era creato, per affrontare il mondo reale, fatto di pericoli ed emozioni che i suoi figli non conoscono.

“Captain Fantastic”, film vincitore all'undicesima edizione della Festa del cinema di Roma, è un’avventura emozionante e divertente che vede protagonista Ben Cash (Viggo Mortensen) ed i suoi sei figli.

L'attore Matt Ross, che si cimenta nuovamente dietro la macchina da presa dopo due cortometraggi ed un lungometraggio del 2012, incentra il suo film sul delicato argomento dell'educazione dei figli e delle scelte che i genitori prendono credendo e sperando di fare il loro bene. Il protagonista, interpretato da un sempre convincente ed intenso Viggo Mortensen, ha deciso di vivere quel tipo di vita e di impartire quella disciplina anche ai propri figli non per puro amore dell'eccentricità o di uno sterile modus vivendi hippie, ma ritenendo fermamente di fare del suo meglio per garantire alla propria famiglia un grandioso futuro. Questa convinzione è tuttavia destinata a scontrarsi con la vita vera che, pur essendo ricca di superficialità e frivolezze, mette in luce gli aspetti anacronistici ed a tratti ridicoli della scelta dei Cash e porta i ragazzi a porsi delle domande su se stessi e sul loro padre. Ross sembra suggerire che la vita che Ben e Leslie hanno costruito per i loro figli è purtroppo una mera utopia che, a contatto con la realtà, rischia di essere messa a dura prova e di cadere in uno stato di profonda crisi. Il mondo ideale, fatto di poche e semplici cose e protetto e difeso dalla folta vegetazione delle verdeggianti foreste nordamericane, sembra non essere più sufficiente e addirittura incrinarsi quando è il mondo reale a giganteggiare e a farla da padrone con i suoi agi e i suoi parossismi.  “Captain Fantastic” dunque prende in esame temi, quello della famiglia imperfetta e della dialettica fra anticonformismo e american way of life, cui del resto ci ha già abituato la lunga tradizione del cinema indipendente americano, ma lo fa in maniera originale proprio perché filtrati costantemente dall'aspetto educativo che sembra essere quello più rilevante. Ross, infatti, perseguendo un'istanza puramente paideutica, mette in luce, in maniera originale e non scontata, gli aspetti contradittori di un'educazione troppo coercitiva e suggerisce un punto di incontro fra due realtà assai diverse che possa consentire al bambino di operare una scelta consapevole e non di subirla.  (da FilmUp)